L’importanza di utilizzare un miscelatore automatico

Un’emulsione è una dispersione più o meno stabile di un liquido in un altro non miscibile con il primo, tenuta assieme tramite degli additivi detti emulsionanti.

Si tratta perciò di un SISTEMA VIVENTE perché durante la lavorazione le sue caratteristiche sono progressivamente modificate da diversi fattori come la presenza di olio estraneo, le impurità rilasciate dal pezzo lavorato o da sporcizia, la temperatura, l’ambiente e la presenza dell’uomo.

E’ necessario pertanto tenere costantemente monitorata l’emulsione in uso per assicurargli lunga vita.

La buona funzionalità dell’olio emulsionabile in esercizio è garantita innanzitutto dalla corretta concentrazione di utilizzo, che risulta essere pertanto un parametro di importanza fondamentale.

In caso di qualsiasi problematica infatti, il primo parametro da controllare è proprio la concentrazione che deve sempre rispecchiare il valore consigliato per il prodotto a seconda del materiale lavorato e del tipo di lavorazione effettuata.

Per questo motivo l’importanza di una giusta miscelazione di acqua e olio emulsionabile concentrato assume un ruolo decisivo nel controllo e nella gestione delle vasche.

Ma qual è il modo migliore per ottenere una perfetta miscelazione?

Miscelare acqua e olio per ottenere l’emulsione è un procedimento semplice ma che richiede una certa accortezza.

Possiamo procedere a mano con secchi e caraffe graduate avendo cura di aggiungere sempre il concentrato all’acqua e mai il contrario, ma il modo più accurato è quello di utilizzare un miscelatore automatico!

La miscelazione automatica garantisce infatti la massima precisione e risulta essere lo strumento perfetto  e funzionale per preservare l’emulsione e garantire una qualità elevata al sistema di lavoro.

I miscelatori sono dotati di una scala graduata che indica le percentuali di miscelazione. Basterà ruotare la scala fino alla concentrazione desiderata per ottenere una miscelazione precisa in modo semplice e velocissimo.

Quale miscelatore scegliere?

Esistono due tipi di miscelatori: il Venturimetrico ed il Volumetrico.

Il miscelatore venturimetrico è sicuramente il più economico. Sfrutta il principio di venturi secondo cui il flusso di acqua viene fatto passare attraverso una sezione a diametro ristretto dove aumenta la velocità ma la pressione cala. La differenza tra il valore della pressione atmosferica presente all’esterno della sezione e quello all’interno della sezione ristretta  permette di aspirare l’olio emulsionabile concentrato che viene così miscelato con il flusso di acqua.

Il miscelatore volumetrico è invece un miscelatore ad alta precisione. Viene installato nella rete idrica ed usa la pressione dell’acqua di rete come forza motrice per aspirare il concentrato, dosarlo alla percentuale desiderata ed emulsionarlo nella camera di miscelazione con l’acqua motrice. In questo modo la dose di olio emulsionabile che viene inserita è sempre proporzionale al volume di acqua che attraversa l’apparecchio, indipendentemente da eventuali variazioni di portata o pressione dell’acqua di rete.

Questa ultima risulta pertanto la soluzione più accurata per garantire emulsioni sempre perfette in modo semplice.

Per Creare emulsioni impeccabili Castelli srl ha scelto la linea di miscelatori volumetrici Tefen Mix Rite 3.5.

 

Guarda il video per scoprirne il funzionamento!!

https://www.youtube.com/watch?v=pU6z0pdcaU8

 

Hai bisogno di una consulenza sulla scelta del tuo lubrorefrigerante intero o emulsionabile? Contatta Castelli, distributore unico autorizzato per il Triveneto dei prodotti Castrol!

Acconsento al Trattamento della Privacy*